Biblioteca, Avanguardia: “servizi affidati ai volontari”

0

Riceviamo e pubblichiamo – Cari concittadini, riteniamo opportuno porre alcuni quesiti in merito allo spostamento della biblioteca nel Castello Doria. Dall’analisi della documentazione comunale, sorgono molti dubbi ed interrogativi su quale sarà il futuro di questo importantissimo progetto culturale messo in campo dall’amministrazione Mauri.

Abbiamo appreso dello spostamento dei testi, del fondo audiovisivo dell’ex emeroteca e della catalogazione di tale materiale, effettuato dalla Cooperativa Sadriana per € 5.800,00 + IVA. Queste operazioni, che richiederebbero “processi di alta conoscenza e specializzazione” (cit. determinazione n.453 del 28/03/2013), sono state effettuate da personale bibliotecario attraverso il sistema di catalogazione internazionale dei testi con l’ausilio di strumentazione informatica?

-Ads-

Serie preoccupazioni rivolgiamo allo status dell’archivio storico che già aveva una catalogazione vetusta con anche documenti non catalogati, che meriterebbero lo stanziamento di una somma più adeguata per la sua conservazione Nella sede della nuova biblioteca vi sarà la presenza (finalmente!) di un bibliotecario?

L’amministrazione comunale provvederà a stanziare dei fondi per l’acquisto di nuovi testi? Suggeriamo all’amministrazione comunale di prendere spunto dall’esperienza del comune di Baselice (BN), dove la catalogazione e la gestione dei testi è stata affidata a cittadini volontari dopo la partecipazione ad un corso di formazione indetto dallo stesso comune!   AVANGUARDIA ANGRI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here