Questo Natale sotto l’albero? Nexus 7, uno dei regali più desiderati.

0

Se anche quest’anno, come negli ultimi, il trend non è cambiato e non è destinato a cambiare neppure per i prossimi, anche voi come tanti avrete desiderio di uno smartphone o meglio ancora di un tablet. Un tablet per leggere e scrivere documenti, guardare film, navigare sul web, guardare qualche streaming on line, ricevere mail in movimento, un piccolo oggetto praticamente che ci permetta di avere tutto o quasi a portata di mano ovunque; in una parola, Google Nexus7. Il Nexus7, per chi non lo sapesse, è il tablet da 7 pollici della Google, realizzato ed assemblato su commissione dalla Asus.

-Ads-

Ormai il marchio Nexus è un must per gli aficionados di Android e per chi cerca un prodotto di pura Google experience con la versione più aggiornata del sistema operativo e le caratteristiche più avanzate. Un Nexus non è solo per la normale utenza, ma anche per chi, come alcuni, adora smanettare sul proprio terminale e caricare all’interno diversi Android modificati o “cucinati” a dovere. Ma veniamo all’analisi del dispositivo. La confezione del Nexus7 è compatta, sobria ed elegante, una volta aperta ci troviamo subito di fronte il terminale nudo e crudo, oltre ad esso sono presenti una guida veloce, un cavo usb per il pc e ricarica ed il classico caricatore a muro, nient’altro.

Una volta tolto dalla confezione ed acceso scopriamo la bellezza del terminale, l’ottima ergonomia e gli ottimi materiali, il design minimal e molto stylish dà un tocco molto hitech al Nexus7. Le dimensioni sono 198,5 x 120 x 10.4 mm di spessore, in soli 340 grammi di peso e può essere tenuto facilmente con una sola mano. Chi lo produce, Asus, proprio grazie al boom di vendite (in pochi mesi sono stati venduti tra i 4 ed i 7 milioni di questo tablet), ha superato Samsung ed è al momento il secondo produttore mondiale in questo settore dopo Apple. L’ ergonomia di questo 7 pollici lo rende ottimo per visionare film, lunghe letture con una sola mano ed ottime sessioni di gioco.

Il pannello video è IPS e retroilluminato a LED, con rapporto 16:10, una densità di 216 pixel per pollice (da notare che iPad mini ne ha solo 163). Il display, che è un multitouch a 10 punti di contatto, offre, grazie alla tecnologia ASUS TruVivid, immagini nitide con neri profondi, colori vividi e soddisfacenti livelli di contrasto e luminosità. Ottimi la sensibilità al tocco e l’angolo di visualizzazione (178°). Tutto il display è protetto da un vetro antigraffio della Corning Fit, montato a filo alla cornice in alluminio brunito.

Il Nexus7, come anche detto nelle specifiche ufficiali, è a tutti gli effetti Il primo tablet da 7 pollici quad-core al mondo, dotato dell’ultima versione del sistema operativo Android™ 4.2.1 Jelly Bean. Chip pentacore Nvidia Tegra 3 con 4 core ad 1.3 GHz + quinto core da 600Mhz, RAM 1 GB, DISPLAY 1280 x 800 pixel WXGA e MEMORIA da 8 – 16 e 32 Gb nella versione wifi o Cellular (3G), questa, sommariamente, la dotazione del nostro tablet. Nulla da dire sulla bontà del chip Nvidia, da sempre fautrice di buona potenza di calcolo ed ottime prestazioni multimediali e velocistiche nel gaming, quindi pollice su per tutte quelle applicazioni che hanno bisogno di una spinta, come video, film, giochi, streaming eccetera.

Altro punto d’eccellenza del device è lo schermo, di ottima qualità il pannello e molto bella la rifinitura a taglio della totale superficie, borderless per capirci e come non apprezzare i colori e la visibilità al sole. Unica pecca la polemica sorta a causa di alcuni difetti di assemblaggio per i primi esemplari, per cui il consiglio che sento di darvi è di aprire la confezione ancora sul luogo dell’acquisto e dare una scorsa ai bordi, accenderlo e guardare attentamente la totale superficie, se tutto è “a taglio” e non ci sono tocchi od immagini fantasma, non avrete di che preoccuparvi.

Oltre lo schermo, frontalmente, sono presenti, in alto, il sensore di luminosità e l’obiettivo della camera da 1.2 MP. Lungo il profilo laterale, a destra, ci sono il comando a bilanciere del volume ed il tasto di accensione/blocco; in basso, la porta microUSB, per ricarica e collegamento dati, e il jack audio da 3.5 mm 2-in-1 (head-out/MIC); a sinistra, un connettore 4-pin per la docking station. A completare la dotazione hardware: due microfoni, sensore di gravità, sensore magnetico, giroscopio, bussola elettronica, GPS ed Nfc. 

Anche questo Nexus, come gli altri della seria, gode della cosiddetta ed agognata google experience, ossia del vero ed originale Android, puro e scevro dalle varie personalizzazioni a volte pesantissime dei vari produttori, non solo, come gli altri, anche questo Nexus avrà per 18 mesi l’ultimo Android al mondo per ordine di aggiornamento, nulla a che fare con i classici produttori che fanno aspettare l’utenza per mesi, guardasi Lg, Samsung, Htc ed altri.

Buono l’audio proveniente dal singolo altoparlante nella parte bassa e retrostante del terminale, il suono è squillante e forte. Mentre giudico mediocre la scelta di Google ed Asus di non dotare il tablet di una fotocamera posteriore ma solo di una anteriore per le videochiamate. Nella media la durata della batteria da 4325mah, un uso dichiarato di nove ore e mezza, infatti, ci fa arrivare a fine giornata con la dovuta calma.

Dai 199 ai 249 fino ai 299 euro, potete portarvi a casa un Nexus7. Per finire, poche semplici parole: se non avete un particolare bisogno della fotocamera posteriore, è il tablet che fa per voi, bello compatto e potente e soprattutto sarete sempre aggiornati.

Bernardino Califano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here