A Pagani la MIGroup finisce sotto accusa: “usufruisce del centro della “Buono e Fresco”

0

L’onda anomala del servizio mensa trascina anche la città di Pagani e nel mirino dei partiti di opposizione finisce la MIGroup srl, società che gestisce il servizio ad Angri.

Il bando di gara per garantire la refezione scolastica paganese ha prodotto dirompenti proteste e originato dubbi circa l’espletamento dell’iter burocratico culminato con l’accettazione delle proposte formulate da tre ditte.

-Ads-

Ad alimentare sospetti sul bando di gara le dichiarazioni dei referenti cittadini di Italia dei Valori che hanno sollevato accuse pesanti. “Un’altra beffa e un’altra magagna si sta per abbattere sul Comune di Pagani – spiega Gerardo Petti – la MIGroup Srl era nell’ impossibilità di utilizzare una referenza bancaria propria e sempre la stessa ditta si avvaleva di un altro soggetto con requisiti e referenze bancarie buone facendosi fare da garante, ci risulta che tale requisito è soggettivo e personale non può essere trasferito ad altri soggetti”.

Una contestazione grave che potrebbe innescare ricorsi e aprire un filone d’inchiesta interno a palazzo san Carlo per valutare la regolarità delle società partecipanti al bando di gara ed esaminare le offerte presentate. Il servizio mensa è monitorato con attenzione dal comitato di genitori che all’indomani del ritrovamento di escrementi nei pasti assegnati alla popolazione scolastica ha fatto scattare un campanello d’allarme circa la qualità dei prodotti utilizzati.

Nel mirino dei genitori è finita la ditta “Buono e Fresco” accusata dal raggruppamento delle mamme di non garantire le necessarie condizioni di igiene. “Ci risulta che all’espletamento della gara risultava presente il signor Filosa, proprietario della “Buono e Fresco” – precisa Alfonso Giorgio – il quale risulta autosospeso da tutto, invitiamo gli organi preposti a verificare queste anomalie”. La MIGroup è stata al centro di velenose polemiche anche nella città di Angri dove il bando ha generato accuse anche per alcune anomalie riscontrate nella determina d’indizione della gara.

“Ci risulta che la MIGroup Srl usufruisce del centro di cottura della “Buono e Fresco” in Via Taurano” e lo stesso proprietario era presente alla gara con la MIGroup – puntualizza Giorgio – la domanda viene spontanea, se ci sono escrementi e vermi nei paraggi della struttura con l’arrivo della MIGroup scompare tutto e tutto diventa a norma di legge?”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here