Gina Fusco: “troppa fretta per la cessione del Cstp”

0

Privatizzare il trasporto pubblico locale vuol dire ignorare completamente quanto sancito inequivocabilmente dall'ultimo Referendum! L'orientamento largamente prevalente ( a tratti schiacciante) è stato quello di non voler vedere affidata ai privati la gestione di servizi pubblici essenziali, tra cui rientrano certamente anche i trasporti. Ignorare la volontà popolare costituisce una grave forma di superficialità, se non addirittura di arroganza e cialtroneria politica.

Mi chiedo anche perché l'ass. Squillante si sia affrettato a dirsi favorevole alla cessione ai privati del CSTP, ormai in perdita per i tagli finanziari imposti da Governo e Regione, ma si sia altrettanto tempestivamente dichiarato contrario all'eventualità di dismettere la seconda farmacia comunale, oggi in perdita per cause unicamente legate alla gestione consortile. Quanti pesi e quante misure si utilizzano?

-Ads-

Si difendono gli amici degli amici anche quando sono indifendibili perché magari distribuiscono Colombe a Pasqua nei comuni dove si candidano con i soldi del Consorzio Farmaceutico? Il trasporto pubblico locale va, invece, ripensato su scala regionale. E' un'impresa impossibile sperare che si possa andare oltre il proprio orto? Perché non si lavora a una gara unica regionale per il trasporto su gomma?

Una vera gara di tipo europeo che consentirebbe l'ottimizzazione delle spese, un maggiore controllo sui costi, più investimenti sui mezzi e il mantenimento di soglie tariffarie adeguate per i viaggiatori. Possibile che la Regione Campania debba continuare ad avere un atteggiamento punitivo nei confronti dei cittadini salernitani, senza affrontare il problema degli sprechi di Napoli nord e Caserta? Una gara europea è forse uno spauracchio per chi potrebbe avere interesse a mantenere in vita piccole nicchie di gestione o per chi ha già scelto di favorire i privati facendo il funerale al trasporto pubblico?

La Provincia, piuttosto, smetta (per rimanere al solo campo dei trasporti) di buttare milioni di euro nella INCOMPRENSIBILE gestione dell'aeroporto. Qualcuno ha capito se all'aeroporto di Salerno si vola o no? Per il momento si tengono in vita solo i consigli di amministrazione e i consulenti, alcuni dei quali, molto illustri, ricoprono anche doppi e tripli incarichi. Quando si dice…abbasso la casta, viva la sobrietà della politica!   Gina Fusco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here