Vendita scuola “Opromolla”…il commento di un cittadino

0

Riceviamo e pubblichiamo – Gent.mo Sindaco, stamattina sfogliando il quotidiano “La Città” ho letto con molto interesse l’articolo che parlava della volontà della sua Amministrazione di vendere alcuni immobili e terreni di proprietà del Comune, compresa la scuola media “Opromolla”. Sono consapevole che molti cittadini angresi, compreso il sottoscritto, sono molto legati a quella sede nella quale hanno studiato molte generazioni di angresi e perché rappresenta ormai un’istituzione nel cuore della città.

Premesso ciò, però, credo che da tempo quella sede non sia più appropriata per ospitare studenti per svariati motivi; primo fra tutti, l’inadeguatezza dal punto di vista strutturale dello stabile che ormai non riesce più a soddisfare tutte le esigenze di modernità e di efficienza che oggi si richiede da un Istituto scolastico.

-Ads-

Ma la cosa più rilevante, rispetto all’iniziativa del Comune, è quella di aver finalmente messo nell’agenda delle priorità la questione della mancanza ad Angri di strutture di aggregazione sociale, come il cine-teatro e l’ auditorium.

Questa carenza, anzi inesistenza, di luoghi di aggregazione è ormai sentita fortemente dall’intera comunità e che ha visto la nostra Città, in quest’ultimo decennio, regredire sia dal punto di vista sociale che culturale rispetto a tutti gli altri paesi a noi vicini. E’ un’esigenza che tocca ormai tutti gli strati sociali e generazionali che sentono da tempo questo vuoto come un vero e proprio andicap sociale.

Proprio in questi giorni, durante un viaggio di ritorno da Napoli, incontrai l’ass. Giuseppe Mascolo con il quale discutemmo proprio di quest’esigenza e concordammo entrambi che ormai quest’esigenza non può essere più disattesa e rinviata, ma anche della difficoltà a reperire fondi destinati all’edilizia sociale. Per cui credo che quest’ iniziativa del Comune sia da accogliere con grande favore e con l’ auspicio che l’Amministrazione Mauri vada decisa all’obiettivo, senza tentennamenti e ripensamenti e senza farsi influenzare dai detrattori di turno, che sicuramente avranno molto da ridire.

Sono convinto che questo percorso politico sia un primo importante tassello per cambiare il volto della nostra città, come credo che il prossimo passo dell’Amministrazione sia quello di impegnarsi per aiutare il commercio ad Angri, attraverso interventi di miglioramento dell’arredo urbano, primo tra tutti quello di via di Mezzo che necessariamente avrebbe bisogno di un intervento di ristrutturazione e abbellimento per attirare investimenti e altri avventori esterni. Per cui auguro al Sindaco Mauri e alla sua Amministrazione di lavorare in questa prospettiva e avrà sicuramente non solo dal sottoscritto, ma da tutti i cittadini il pieno sostegno.  Stefano Sabatino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here