La Santa Messa nella “Monnezza”, gli abitanti di via Campania: “attesa vana, ignorati dal Comune!”

7

L’attesa è stata vana e per sopperire alle mancanze del Comune, cui era stato chiesto a più riprese, un intervento per la pulizia, gli abitanti di via Campania si sono rimboccati le maniche e hanno proceduto alla sistemazione del parco Iacp anche grazie al contributo attivo di un gruppo di ragazzi che armato di scope, pale e secchi hanno rimosso i rifiuti e spazzato l’area rendendola maggiormente vivibile.

Le volonterose signore hanno profuso il massimo impegno per riportare un po’ di decoro nella struttura che ieri sera ha ospitato la Santa Messa che ha richiamato nell’area verde numerosi abitanti dell’intero “Quartiere Alfano”. Sette ore d’intenso lavoro con i ragazzi che hanno trasportato i sacchi pieni di fogliame e con le anziane donne impegnate a rimuovere rifiuti.

Nulla, invece, hanno potuto per il taglio delle erbacce, le dimensioni raggiunte erano troppo alte perché si procedesse al taglio manuale. Rabbia, amarezza e tanta rassegnazione per le oltre quattrocento persone che popolano via Campania: “Purtroppo le nostre richieste sono cadute nel vuoto perché nonostante le sollecitazioni e gli appelli nessun operatore dell’Angri Eco Servizi si è visto in zona. Sinceramente non potevamo celebrare la messa nella “monnezza” e allora ci siamo messe all’opera. Spiace – precisano le signore – incassare l’indifferenza dellle istituzioni soprattutto perché in zona consiglieri e funzionari comunali hanno parenti e il Sindaco abita a pochi passi. Abbiamo grossa stima di Mauri e crediamo possa fare molto bene per la città, e non credo che il taglio e la cura di un po' di erba possano rappresentare problema così grande.

Negli anni passati il taglio e la cura delle aiuole avvenivano in maniera regolare, noi possiamo spazzare e pulire, ma il Comune deve garantirci almeno la manuntenzione del verde, non chiediamo nulla di esagerato”.

Per fronteggiare l’incuria, gli abitanti intendono rivolgere un nuovo accorato appello al Presidente del Consiglio comunale, Arturo Sorrentino, che ha rimarcato più volte di avere a cuore le sorti del “Rione 167”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here