“La sagra della patata” nel prossimo week-end ad Angri

2

L’Associazione “Nomos”, l’imprenditrice Rosanna Ferraioli e la Parrocchia Regina Pacis di Angri, in occasione dei festeggiamenti in onore di Sant’Isidoro Agricoltore, protettore dei contadini, organizza la seconda edizione della “Sagra della Patata”.

Si ripete anche quest’anno quindi l’appuntamento previsto con la manifestazione che avrà come protagonista il tubero commestibile tra gli stand di via Santa Maria sabato 29 e domenica 30 maggio. L’inaugurazione di sabato, prevista per le 19, aprirà i battenti della sagra, che aprirà ufficialmente al pubblico con l’esposizione di attrezzi agricoli tra storia e memoria. Ma la kermesse entrerà nel vivo già venerdì alle 15, con un convegno dal titolo “La patata: tra innovazione e tradizione scopriamone di più" che si terrà presso la stazione sperimentale per le conserve alimentari di Angri.

Il seminario, organizzato in collaborazione con alcuni ricercatori della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica su temi quali la scienza per la sicurezza e la qualità alimentare; l’innovazione nella filiera alimentare; la tecnologia per l’agricoltura e la biodiversità; l’educazione alimentare; la solidarietà e la cooperazione alimentare.

Al convegno prenderanno parte il dottore Piero Verlingieri della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, che parlerà delle ‘Ricerche sulla pratica uso seme della patata: epoche d’impianto e peso dei tuberi seme in funzione della cultivar’. Sarà poi il turno dell’agronomo Rossella Robusto che terrà ragguaglierà il pubblico presente con la relazione ‘A difesa della patata’. Successivamente toccherà al dottore Antonio Di Matteo della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, che illustrerà le sue idee con il rapporto ‘Piccoli “geni” per un grande tubero’.

Chiuderà il giro degli interventi la dottoressa Clorinda Malmo della Facoltà di Scienze dell’Alimentazione della Seconda Università di Napoli, che illustrerà gli aspetti nutrizionali della patata. Alle 17 il convegno si concluderà con la proclamazione del vincitore del concorso “Patata Poster”, a cui hanno partecipato gli studenti della sede coordinata di Angri dell’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente di Salerno.

Nei due di giorni di eventi per la patata sarà possibile visitare gli stand delle varie imprese agricole, con degustazione dei piatti tipici locali a base di patate offerti dagli agricoltori territorio. Il tutto per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle proprietà nutritive dell’ortaggi, che sono ricche di sali minerali, vitamine, acido folico, oltre che di proprietà nutrizionali derivate dai carboidrati. La serata della prima giornata si concluderà con l’esibizione dei primi cinque classificati della kermesse canora “Le piccole voci d’oro” e da musica tradizionale locale.

Domenica, la manifestazione organizzata da Rosanna Ferraioli, riaprirà i battenti alle 8 con il piccolo mercatino rionale di frutta e verdure locali ‘dal produttore al consumatore’ allestito dalla Coldiretti Salerno e che sarà possibile visitare fino alle 12. Contemporaneamente, alle 10, ci sarà il raduno dei mezzi agricoli in via Santa Maria, che partiranno per una sfilata lungo le strade cittadine di Angri, che terminerà presso il Parco Masaniello in via Quarto dove ci sarà la gara a cronometro delle macchine agricole, la ‘stopwatch tractor’.

Alle 20 la serata finale entrerà nel vivo con la riapertura degli stand, in cui sarà nuovamente possibile degustare piatti tipici locali a base di patata. Ad allietare il clima ci penseranno alcune canzoni della tradizione contadina del luogo con l’alternarsi di balli tradizionali. La ‘Sagra della Patata’ si concluderà intorno alle 23 con la premiazione della patata più grande e i fuochi in onore di Sant’Isidoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here